Adam Weishaupt

È stato affermato che il dottor Weishaupt fosse un ateo, un mago cabalista, un razionalista, un mistico; un democratico, un socialista, un anarchico, un fascista; un amoralista machiavellico, un alchimista, un totalitario e un “filantropo entusiasta”. (L’ultimo è stato il verdetto di Thomas Jefferson , tra l’altro.) … Se si dovesse credere a tutta questa letteratura sensazionale, i maledetti cospiratori bavaresi erano responsabili di tutto ciò che non va nel mondo, comprese le crisi energetiche e il fatto che si può’ Non trovo nemmeno un idraulico nei fine settimana.

—Robert Anton Wilson

Adam Weishaupt (1748-1830) era un filosofo tedesco e il fondatore della famigerata società segreta deista, l’Ordine degli Illuminati (originariamente chiamato Patto di Perfezionibilità, che suonava troppo strano).

Usavano pseudonimi. Era un deista che voleva promuovere la democrazia in tutto il mondo, si opponevano agli abusi statali , alla superstizione e all’oscurantismo. L’ordine promuoveva la libertà, l’uguaglianza e la fraternità.

Anche Thomas Jefferson sembrava apprezzare Weishaupt e lo definì un entusiasta filantropo. Le teorie del complotto su di lui rendono davvero difficile conoscere il vero personaggio storico e la sua filosofia.

Filosofia 

Sebbene Adam Weishaupt sia ricordato soprattutto per il completo fallimento della sua società che controlla il mondo , Weishaupt era principalmente un filosofo. Il suo razionalismo fu influenzato dal suocero Johann Adam Freiherr von Ickstatt, un predicatore dell’Illuminismo. Dal punto di vista scientifico era un empirista . Era spesso in disaccordo con Kant nelle sue opere, ad esempio, detestava l’idea che lo spazio e il tempo fossero solo percezioni umane, e li considerava cose reali. In generale era contrario all’idealismo kantiano. Per Weishaupt, le idee di Kant finiscono nel completo soggettivismo, che Weishaupt considera autoconfutante , perché se la conoscenza è vera solo per le apparenze, lo stesso vale per il soggettivismo.

La sua filosofia prevedeva la sottomissione dell’uomo alle sue parti più nobili, che sono la ragione e lo spirito.

Citazioni

Poiché il numero degli uomini è grande, ma il regno terreno non è inesauribile, un uomo non può più trarre profitto dal lavoro di venti. La moderazione, la contentezza e la frugalità devono diventare la morale generale dell’umanità . … Tutta la terra diventa un giardino, e la natura ha finalmente compiuto quaggiù il suo lavoro quotidiano, portando insieme al maggior numero possibile di uomini la luce permanente, la pace e la felicità: ha consacrato ogni uomo come giudice, sacerdote e re ; ha trasformato in realtà la favola spesso ridicolizzata dell’età dell’oro, l’antica idea preferita dell’umanità, eliminando con discrezione l’eterna disuguaglianza della ricchezza , che è stata combattuta in modo inefficace da tutti i legislatori e che è sempre ritornata, e che è la fonte della decadenza di tutte le nazioni e radice della servitù, della tirannia e della disunità tra gli uomini, della venalità e della corruzione morale, rendendolo per sempre impossibile a causa dell’eccessiva crescita della popolazione umana.”

Questo primo stadio della vita di tutta la razza è la natura selvaggia, cruda:… una condizione in cui l’uomo gode dei beni più squisiti, dell’uguaglianza e della libertà, in piena abbondanza, e ne godrebbe anche per sempre, se seguisse il suggerimento di natura e comprendere l’arte di non abusare dei suoi poteri e di impedire lo scoppio delle sue passioni eccessive.”

Demonizzazione

Naturalmente, morire in esilio con il suo ordine sciolto e le sue opere filosofiche dimenticate era troppo gentile per il suo destino. Due pazzi ormai anziani, di nome Augustin Barruel e John Robison, decisero di sputare alla memoria del povero ragazzo scrivendo libri su come il suo ordine sopravvisse e diede inizio alla Rivoluzione francese , che poi portò alle moderne teorie del complotto che dipingevano Weishaupt come il più persona malvagia, e il suo ordine viene descritto come una cospirazione socialista atea satanista anticristiana. E così Weishaupt non poteva riposare in pace, mai.