Confucio

Confucio, noto anche come Kong Qiu, è stato un filosofo e insegnante cinese vissuto nel periodo della dinastia Zhou orientale, tra il VI e il V secolo a.C. Mentre Confucio è principalmente noto per le sue dottrine etiche e politiche, ci sono alcuni elementi nelle sue idee che possono essere interpretati come affini al deismo ante-litteram. Ecco alcuni punti che lo collegano a questa corrente di pensiero.

1 – Concetto di Tian

Confucio credeva nell’esistenza di Tian, un termine cinese spesso tradotto come “Cielo” o “Divinità suprema”. Tian era considerato una forza trascendente che permeava l’universo e che governava l’ordine e l’armonia del mondo. Confucio riconosceva Tian come una forza superiore, ma non lo considerava come una divinità personificata o come un dio antropomorfico. Questo concetto di una forza trascendente ma non personalistica si avvicina alla visione deista di un Dio impersonale e non interventista.

2- Moralità e virtù

Confucio insegnava che l’umanità avrebbe dovuto seguire un codice etico e comportarsi in modo virtuoso per mantenere l’ordine sociale. Egli enfatizzava l’importanza della bontà, dell’onestà, della giustizia e del rispetto reciproco come valori fondamentali per una società armoniosa. Questo approccio morale si allinea con il deismo, in quanto promuove un sistema etico basato sulla ragione e sulla responsabilità umana piuttosto che su comandamenti religiosi rivelati.

3- Ruolo della ragione

Confucio aveva un grande rispetto per la razionalità e la ragione umana. Egli credeva che attraverso l’istruzione e la riflessione, gli individui potessero sviluppare una comprensione più profonda del mondo e raggiungere la saggezza. Questo approccio razionale all’esplorazione e alla comprensione della natura umana e del mondo riflette l’approccio deista che cerca di comprendere Dio attraverso la ragione e l’osservazione della natura.

4 – L’importanza dell’ordine naturale

Confucio sottolineava l’importanza di seguire l’ordine naturale delle cose. Egli credeva che l’armonia e l’equilibrio nella società fossero il risultato di un allineamento con l’ordine cosmico e morale. Questo richiamo all’ordine naturale si avvicina alla visione deista che vede l’universo come un sistema ordinato creato da una forza trascendente.

5 – L’opinione del deista Voltaire

“Voltaire ha criticato sia la religione cristiana, che ha elementi soprannaturali, sia l’ateismo. Il suo punto di vista religioso era un deismo tollerante e trovò il confucianesimo, come sistema filosofico, il suo equivalente più vicino, libero da superstizione e fanatismo. Voltaire vedeva Confucio come il deista ideale e rappresentante del deismo, che presentava come sostituto della religione rivelata.”
https://www.globethics.net/pdfs/CNKI/CJFD/WLXY201403003.pdf