Laozi

Laozi è il leggendario autore del Daodejing, uno dei testi fondamentali del taoismo, una filosofia e una religione cinese che si sviluppò nel IV e III secolo a.C. Ci sono alcune affinità tra il pensiero di Laozi e i principi deisti che possono essere evidenziati e suggerire il fondatore del taoismo come un deista ante-litteram.

1- Concetto di Dao

Il concetto centrale nel pensiero di Laozi è il Dao, che può essere tradotto come “Via” o “Cammino”. Il Dao è considerato come una forza trascendente che permea l’universo e ne guida l’ordine e l’armonia. Questa forza è impersonale e non antropomorfica, simile alla concezione deistica di un Dio non personale.

2 – Non intervento divino

Laozi sostiene che il Dao opera in modo spontaneo e naturale, senza interferire attivamente nel mondo umano. Il Dao non è considerato come un’entità interventista o come una divinità che risponde alle preghiere o interviene negli affari umani. Questo concetto di un’entità divina distante e non interventista si avvicina alla visione deista di un Dio che ha creato l’universo ma non è coinvolto direttamente nelle vicende umane.

3 – Emancipazione dall’adorazione degli dei

Laozi critica l’eccessiva devozione agli dei e alle pratiche religiose elaborate. Egli invita alla semplicità e all’auto-riflessione interiore per raggiungere l’armonia con il Dao. Questa enfasi sulla connessione individuale con una forza trascendente, piuttosto che sulla sottomissione a un culto o a riti religiosi, si allinea con l’approccio deista che cerca una connessione personale e diretta con la divinità.

4 – La ricerca della conoscenza attraverso l’osservazione della natura

Laozi promuove l’osservazione e l’interiorizzazione della natura come strumenti per raggiungere la saggezza e comprendere l’ordine del mondo. Questo approccio razionale all’esplorazione e alla comprensione del divino, attraverso l’osservazione della natura e la riflessione interiore, si avvicina all’approccio deista che cerca di raggiungere la conoscenza di Dio attraverso la ragione anziché la rivelazione.