Denis Diderot

Denis Diderot (1713-1784): Filosofo e scrittore francese, famoso per essere uno degli editori dell’Encyclopédie, un’opera di riferimento dell’Illuminismo.

Diderot ha espresso il suo deismo nelle sue opere, tra cui l’Enciclopedia, in cui promuoveva il pensiero razionale, la scienza e la conoscenza come mezzi per comprendere la natura e la creazione divina, e nel “Supplemento alla Voyage de Bougainville”, dove enfatizzava l’importanza di seguire la moralità naturale e l’etica senza necessariamente abbracciare una dottrina religiosa specifica.

In quest’ultimo, Diderot presenta il personaggio di Orou, un sacerdote della religione tahitiana, e lo mette a confronto con l’atteggiamento dei missionari cristiani. Attraverso questa narrazione, Diderot critica le pratiche religiose organizzate a favore di una moralità universale e razionale. Questo riflette l’idea deista che la moralità sia innata e non necessariamente dipendente da una dottrina religiosa specifica.

Si nota il suo deismo anche nei suoi scambi epistolari. Ad esempio nelle sue lettere a Sophie Volland, Diderot esprimeva la sua convinzione che l’ordine e la bellezza dell’universo fossero una manifestazione dell’intelligenza divina. Egli credeva che la ragione umana fosse in grado di scrutare la complessità della creazione per rivelare l’opera del Creatore. Questa fiducia nella capacità umana di comprendere Dio attraverso l’osservazione e la ragione è un tratto caratteristico del deismo.

Inoltre, Diderot criticava spesso l’autorità religiosa e l’intolleranza religiosa, sostenendo invece la libertà di pensiero e di espressione. Questo approccio rispecchia l’atteggiamento deista che promuoveva una connessione diretta e personale con Dio, al di là delle strutture ecclesiastiche.